3D printed electronics in crescita

Smartech Markets ha da poco realizzato un rapporto con cui prevede che il mercato della 3D printed electronics nel 2022 possa valere 428 milioni di dollari, per poi impennarsi e crescere vertiginosamente nei tre anni seguenti, raggiungendo i 2,8 miliardi di dollari di ricavi entro il 2025.

La società di ricerca della Virginia (Usa) vede un crescente interesse nell'uso della stampa 3D per fabbricare circuiti personalizzati, sensori e antenne, con applicazioni a più lungo termine per altri tipi di componenti elettronici.

Mentre l'attenzione attuale è sulla prototipazione, è anche chiaramente contemplata la possibilità di utilizzare la 3D printed electronics per produrre quei dispositivi elettronici che vengono solitamente prodotti in volumi bassi, come nel caso della optoelettronica ad alta velocità e nell'elettronica a uso militare o aerospaziale.

Per Smartech Markets c'è un alto potenziale per la stampa 3D anche nell'elettronica di consumo, a livello sia di progettazione del prodotto, sia per la personalizzazione di massa di prodotti, come nel caso degli smartphone.

I cinque campi di applicazione

La ricerca effettuata esamina il potenziale della 3D printed electronics in cinque campi di applicazione chiave: prototipazione di PCB multistrato, prototipazione di altri componenti, produzione a basso volume di parti elettroniche, progettazione elettronica di consumo e personalizzazione di massa di elettronica di consumo.

Oggi gran parte dell'attenzione è sulla prototipazione di PCB multistrato da fare in azienda, anziché rivolgersi a service esterni.

Ma ci si aspetta che i centri di prototipazione tradizionali si dotino di strumenti per la personalizzazione di massa di dispositivi elettronici.

Ecco allora emergere la previsione che entro il 2022 i ricavi da servizi di 3D printed electronics possano superare i 300 milioni di dollari.

Per il 2022 si prevede che ricavi da materiali per la 3D printed electronics (tra vecchi e nuovi, come quelli basati su nichel e inchiostri conduttivi) saranno di circa 65 milioni di dollari, mentre le stampanti 3D che saranno utilizzate per realizzare componenti varranno 300 milioni di dollari entro il 2024.

Fra le aziende che Smartech Markets considera far parte di questo mercato nascente, oltre alle immancabili Stratasys e Hp, ci sono Autodesk, Beta Layout, EnvisionTEC, EOS, Flextronics, LPKF Laser, Nano Dimension, Nascent Objects, Optomec, Pulse Electronics, Voxel8.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO